22 C
Crotone
Settembre,26,2022

KORNVIG RAGGIUNGE IL SUDTIROL. COSENZA, BUON PUNTO A BOLZANO

Minuto 76′ Dionigi sotto di un gol a Bolzano contro il Sudtirol effettua un doppio cambio: richiama Brescianini e Butic, facendo subentrare Kornvig e Larrivey. Passano appena 5″ dal suo ingresso in campo che il biondo di Soborg in Danimarca, al suo esordio in maglia rossoblu, trova il tiro al volo e fa esplodere lo spicchio del Druso colorato di rossoblu. Parte da qui la cronaca di una gara tra il Sudtirol dell’ex Pierpaolo Bisoli ed il Cosenza di Davide Dionigi che aveva visto i padroni di casa portarsi in vantaggio con Rover al 22′ (terzo gol in stagione ndr) e poi cercare di controllare la gara, cercando le ripartenze in contropiede. Tabellino scarno di azioni pericolose per i calabresi, ma che controllano il pallino per buona parte del match e trovano l’eurogol con il gioiellino danese, arrivato sul gong del mercato in prestito dallo Spezia. CRONACA – Bisoli parte con il suo classico e accorto 4-4-2: Mazzocchi e Odogwu a sostenere l’attacco, con un centrocampo dinamico formato da De Col, Tiat, Nicolussi Caviglia e Rover. Dionigi che deve fare a meno dello squalificato Florenzi e dell’infortunato Vaisanen risponde con il suo “solito” 4-2-3-1 con Brescianini e Voca a far filtro a centrocampo; Brignola, Merola e D’Urso a sostegno dell’unica punta Butic. Sudtirol che parte meglio e già al 6′ sfiora il vantaggio: la conclusione di Odowgu è deviata in angolo da Rigione. Calabresi che ci provano con una punizione di Brignola all’8′, ma il suo tiro è debole e non crea problemi a Poluzzi. Ancora Cosenza al 14′: lancio di Rigione per Butic, Poluzzi salva di pugno. Al 22′ arriva la doccia fredda per i cosentini. Ripartenza veloce dell’undici di Bisoli con Rover che entra in area, si accentra e batte Matosevic (1-0). Al 27′ conclusione di Nicolussi Caviglia parato da Matosevic. Sul finire della prima frazione Sudtirol pericoloso in tre occasioni: al 38′ Matosevic devia in angolo una conclusione di Mazzocchi; al 41′ tiro centrale di Tait e al 42′ Rover tenta il tiro a giro senza fortuna. Nella ripresa si riparte con gli stessi undici iniziali. Rover al 47′ impegna Matosevic. Tre minuti più tardi ci prova D’urso ma la sua conclusione è debole e centrale. Al 59′ la prima vera azione pericolosa del Cosenza: Merola tenta la conclusione, Poluzzi respinge. Al 63′ doppio cambio nella fila del Cosenza con Zilli prende il posto di D’Urso e Calò quello di Voca. Cambia anche Bisoli un minuto più tardi: escono Mazzocchi e De Col, entrano Schiavone e Casiraghi. Cosenza che mantiene il pallino del gioco ma non impensierisce mai il Sudtirol. Al 76′ Bisoli fa uscire Tait per Crociata. Cambia anche Dionigi: fuori Brescianini e Butic, dentro Kornvig e Larrivey. Ed è proprio il biondo centrocampista danese ha trovare la conclusione al volo, su corta respinta della difesa del Sudtirol, e battere Poluzzi (1-1). Nei restanti minuti di gioco non succede più nulla con le due squadre attente più a non prenderle e chiudere la gara in parità. Buon punto per un Cosenza che è apparso privo di idee con l’assenza del furetto Florenzi che si è fatta sentire più del dovuto. Cosenza che alla ripresa del campionato attende al Marulla il Como di Cesc Fabregas nell’anticipo della settima giornata. Una gara da preparare al meglio per cercare di tornare alla vittoria.

Notizie Oggi