14 C
Crotone
Gennaio,18,2022

OCCHIUTO IN CONSIGLIO: POSSIAMO ESSERE LA REGIONE CHE I CALABRESI NON SI ASPETTANO

“Dimostriamo che la Calabria può essere la regione che i calabresi non si aspettano”. Ha cambiato il claim adattandolo ai calabresi il presidente della Giunta regionale Roberto Occhiuto concludendo i lavori del Consiglio regionale. L’ok all’assestamento di bilancio è arrivato anche con l’astensione delle minoranze, PD 5S e Dema. “Ho bisogno del Consiglio regionale» ha sottolineato Occhiuto “purché si evitino riti che a volte diventano un ostacolo alla celerità delle decisioni. Occhiuto si è soffermato su alcuni temi sollevati nel corso del dibattito. In particolare sulla Sacal, confermando per la società aeroportuale l’intenzione di procedere all’acquisto di tutte le quote. Poi ha parlato di sanità e della necessità di riformarla. “Ho voluto assumermi personalmente la responsabilità di essere nominato commissario della sanità perché tanto avremmo comunque pagato noi gli effetti di una sanità inefficiente senza avere la possibilità di determinarne le scelte. È giusto che in consiglio regionale si possa liberamente discutere di sanità perché c’è il presidente che è anche commissario. E mi rendo già disponibile, insieme al sub commissario Bortoletti, a fare incontri con i gruppi consiliari per recepire orientamenti e suggerimenti: anche su questo, come sul bilancio, chiederò un supplemento di lavoro al Consiglio regionale, perché alcuni impegni li deve assumere anche il Consiglio regionale”. Per la medicina sul territorio ci sono 340 milioni con il Pnrr, ma come spenderli occorre stabilirlo nei prossimi due mesi.
Occhiuto ha annunciato che l’Afor sarà liquidata. La vecchia azienda forestale ha 25mila procedure esecutive, un carico enorme. Per fermarle sdarà utilizzata la liquidazione coatta amministrativa. Il Presidente ha apprezzato il dibattito, non ideologico. Le visioni saranno pure diverse, ma i bisogni dei calabresi sono sempre gli stessi. Da troppo tempo.

Notizie Oggi