Home Ambiente Giovani talenti proclamati vincitori del logo per il progetto SMob-Solidarity Mobility finanziato...

Giovani talenti proclamati vincitori del logo per il progetto SMob-Solidarity Mobility finanziato da Fondazione con il Sud

0
292

L’Istituto Omnicomprensivo Statale “B. Miraglia” di Strongoli ha nuovi campioni: Giovanni Perri e Luigi Russo. Questi due talentuosi studenti hanno brillantemente trionfato nel concorso per la realizzazione del logo del progetto SMob-Solidarity Mobility, un’iniziativa ambiziosa volta a garantire accesso equo e inclusivo ai servizi fondamentali per i gruppi vulnerabili nei comuni di Crotone, Strongoli e Cropani.
Con occhi brillanti e un sorriso contagioso, Giovanni Perri ha raccontato: “partecipare a questo concorso è stata un’opportunità incredibile. Abbiamo voluto creare qualcosa che rappresentasse davvero lo spirito del progetto: solidarietà, mobilità e comunità. A scuola si discute spesso della necessità di promuovere stili di vita più sostenibili e quando la prof.ssa La Manna ci ha presentato questa opportunità, abbiamo colto al volo il significato e la portata del progetto. È un onore sapere che il nostro design sarà al centro di un’iniziativa così cruciale.”
E Luigi Russo, condividendo l’entusiasmo del suo compagno, ha aggiunto: “volevamo che il nostro logo fosse non solo bello alla vista, ma anche portatore di un messaggio potente. Le parole chiave ‘rispetto dell’ambiente’ e ‘inclusione’ hanno guidato ogni tratto della nostra matita, confluendo in un design che integra la foglia, una bicicletta e due braccia in un abbraccio accogliente. È emozionante pensare di essere parte di questa meravigliosa iniziativa che avrà sicuramente un impatto positivo sulla vita della nostra comunità.”
Al centro di questa tempesta creativa, la Prof.ssa Alessandra La Manna, docente di Arte e immagine, che non ha perso tempo nell’incoraggiare la partecipazione attiva dei suoi studenti. “inclusione e sostenibilità sono due pilastri del nostro approccio educativo. Quando l’Istituto ha avuto notizia del progetto SMob, mi è sembrato naturale coinvolgere gli studenti. Presentando il bando di concorso in classe, Giovanni e Luigi hanno immediatamente dimostrato entusiasmo e dedizione, gettandosi a capofitto nella creazione. La loro passione era tangibile, alimentata dalla consapevolezza di contribuire attivamente a un progetto che influenzerà positivamente la vita della nostra comunità. Desidero ringraziare l’Associazione Giovani Responsabili e tutti i partner di questo progetto per aver riconosciuto l’importanza di coinvolgere i giovani sin dall’inizio, creando un ponte tra l’istruzione e la comunità.”
Fabio Pisciuneri, Presidente dell’Associazione Giovani Responsabili, capofila del progetto SMob ha commentato con fervore la risposta al bando: “Siamo stati veramente colpiti e gratificati dal numero di giovani che hanno risposto alla nostra chiamata. Questo dimostra non solo l’interesse crescente per iniziative di sostenibilità e inclusività, ma anche il desiderio dei nostri ragazzi di giocare un ruolo attivo nel plasmare il futuro della nostra comunità. La loro passione e creatività sono state evidenti in ogni proposta presentata, rendendo la selezione del logo un compito sfidante ma al contempo entusiasmante. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato, dimostrando ancora una volta che quando diamo spazio e fiducia ai giovani, possono sorprenderci in modi che non avremmo mai immaginato.
Il progetto SMob-Solidarity Mobility, oltre a promuovere soluzioni di mobilità sostenibile per tutti, ha una forte inclinazione ecologica. La strategia centrale del progetto prevede l’introduzione di biciclette, e-bike, scooter elettrici per disabili e l’installazione di rastrelliere per biciclette nei pressi degli istituti scolastici. Tutto ciò per incoraggiare gli studenti e l’intera comunità a scegliere mezzi di trasporto più sostenibili.
Inoltre, con la collaborazione di vari partner, il progetto SMob offrirà servizi di trasporto su richiesta, corsi di educazione stradale e l’implementazione di nuovi percorsi ciclopedonali nelle aree protette del WWF. Una particolare attenzione verrà data anche al monitoraggio dell’impatto ambientale del progetto, con un’applicazione dedicata che calcolerà le riduzioni di emissioni di CO2 e premierà gli utenti con sconti e coupon.
Tra i partner del progetto, figurano i comuni di Cropani, Crotone e Strongoli; l’Istituto Comprensivo I.C. “Alcmeone” di Crotone; l’associazione Amici Del Tedesco; il WWF della Provincia di Crotone; Cras Srl; l’Associazione Eccedenze Creative; il Dipartimento di Ingegneria Meccanica Energetica e Gestionale dell’Università della Calabria e lo Spin-off Unical Smart City Instruments.