17 C
Crotone
Ottobre,17,2021

CROTONE CHE COMBINI? PASTICCIA E SPRECA. IL BOLOGNA VINCE IN RIMONTA

Crotone in ginocchio, come mostra la foto del suo uomo migliore. Ci mancava di vederlo perdere in casa grazie alla rimonta degli avversari. Ci è riuscito il Bologna che ha fatto meglio della Juventus che a Crotone, dopo lo svantaggio, è riuscita solo a pareggiare. I felsinei invece hanno rimontato e chiuso con un clamoroso 2-3 dopo essere andati al riposo sotto di due. Una mazzata per il Crotone che non si capisce come abbia fatto a trasformarsi da meraviglioso cigno in un bruttissimo anatroccolo. Una sconfitta che a questo punto probabilmente mette anche un punto fermo a questa stagione. Il Crotone, al netto di qualcosa che dovrà essere più di un miracolo, in questa gara saluta la Serie A e da oggi dovrà cominciare a organizzarsi per la prossima stagione in B. Diventa anche difficile commentare una gara che al 45’ faceva presagire un’altra vittoria dei calabresi grazie ad un bel primo tempo, aiutati da un Bologna inguardabile grazie anche alle scelte sbagliate di Mihajlovic. Assenze importanti in casa Crotone, Luperto, Reca e Ounas. In campo Cuomo, Benali e Di Carmine. Gol di Messias al 32’ (pallone filtrato in area che beffa Skorupski) e Simy che ha trasformato un rigore per fallo su Di Carmine assegnato dopo revisione Var per trattenuta su Di Carmine. Gara chiusa dirà qualcuno vedendo le squadre raggiungere gli spogliatoi. Poi Sinisa rimedia alle scelte iniziali infelicissime e inserisce Skov Olsen, ma soprattutto l’ex Sansone, che cambiano la gara. Secondo tempo orribile del Crotone che si fa raggiungere da Soumaoro che solo nel cuore dell’area trova il gol del 1-2, da Schouten che centra l’incrocio dei pali dal limite e da Skov Olsen bravo ad arrivare per primo su una respinta di Cordaz su tiro di Palacio. Pe il Crotone una palla gol clamorosa di Vulic che calcia a colpo sicuro ma spedisce in curva, e una super parata di Skorupski che dice di no ad una conclusione violenta ma centrale di Messias. E poi tanta disperazione fino al triplice fischio. Cosmi è rimasto per alcuni lunghi minuti nella panchina per capire cosa può essere successo a questa squadra dalla quale alla vigilia aveva chiesto coraggio e sfacciataggine. Cosa che ha visto solo nel primo tempo. Nella ripresa invece solo paura e tanti limiti specie in difesa ma è ormai un discorso che non fa più storia. Il Crotone a dieci gare dalla fine conta ben 70 gol al passivo. E con questi numeri in Serie A non ci puoi stare.

Crotone – Bologna 2-3

Marcatori: Messias (C) al 32’, Simy (C) su rigore al 40’ p.t.; Soumaoro (B) al 17’, Schouten (B) al 25’, Skov Olsen (B) al 39’ s.t.

Crotone (3-5-2) Cordaz 6; Djidji 5, Golemic 5,5, Cuomo 5,5 (dal 40’ s.t. Riviere s.v.); Pedro Pereira 5, Messias 6,5, Petriccione 5,5 (dal 30’ s.t. Vulic 5), Benali 5, Molina 6; Di Carmine 5 (dal 30’ s.t. Rispoli 5), Simy 6. A disp: Festa, Crespi, D’Aprile, Marrone, Magallan, Zanellato, Eduardo, Rojas, Dragus. All. Cosmi 5,5

Bologna(4-2-3-1) Skorupski 6,5; Tomiyasu 6, Danilo 6, Soumaoro 6, Dijks 5,5 (dal 14’ s.t. Sansone 6,5); Svanberg 5 (dal 1’ s.t. Schouten 6,5), Dominguez 5,5 (dal 14’ s.t. Vignato 6); Orsolini 4,5 (dal 1’ s.t. Skov Olsen 7), Soriano 6, Barrow 6; Palacio 6 (dal 40’ s.t Poli s.v.). A disp: Da Costa, Hickey, Mbaye, De Silvestri, Medel, Baldursson, Antov. All. Mihajlovic 6

Arbitro: Fourneau di Roma 1 6,5

Ammoniti: Cuomo (C), Dijks (B), Soumaoro (B), Petriccione (C), Dominguez (B), Djidji (C), Palacio (B), Soriano (B), Danilo (B), Golemic (C)

Notizie Oggi