24.1 C
Crotone
Maggio,18,2022

COSENZA, ANCORA UNA SCONFITTA NEL GIORNO DI DI MARZIO

“Di Marzio ci hai dato il paradiso. Grazie”, è lo striscione che campeggia in Curva Nord in ricordo di Gianni Di Marzio, tecnico della storica promozione in Serie B, nel giorno della sua scomparsa. Cosenza-Ascoli va in scena davanti a pochi intimi in un Marulla segnato dal sole ma con temperature gelide. Un’altra prova incolore per il Cosenza che va sotto subito per la rete dell’ex Collocolo (9′), resta in dieci ad inizio ripresa per il doppio giallo a Bittante (52′), pareggia per una sfortunata autorete di Tsadjout (59′), ma poi subisce l’uno-due bianconero di Caligara su rigore (71′) e Iliev (87′). CRONACA – Occhiuzzi conferma le idee della vigilia ed il 4-3-1-2: con Matosevic tra i pali; la linea difensiva composta da Bittante, Rigione, Hristov e Liotti, a centrocampo Carraro, Palmiero e Situm, con Boultam a sostegno del duo Millico-Pandolfi. Sottil risponde con lo stesso schema con Baschirott, Bellusci, Quaranta e Falasco davanti a Leali; sulla mediana Eramo, Collocolo e Caligara, Saric trequartista, in avanti Bidaoui e Tsadjout. Al primo affondo, al 9′, la squadra di Sottil passa in vantaggio: Bidaoui entra in area e serve Eramo, che scarica per l’ex Collocolo che batte Matosevic (0-1). Cosenza che prova subito a rientrare nel match con Pandolfi di testa, sugli sviluppi di un corner, ma la sfera termina alta. Ancora in avanti i calabresi che con Boultam dal limite sfiora il pari. Al 28′ gli ospiti sfiorano il raddoppio con Bidaoui che arriva in area e colpisce il palo, a Matosevic. Ad inizio ripresa Occhiuzzi inserisce Vallocchia per Situm. Ed è proprio la squadra di Sottil a rendersi per prima pericolosa con Saric, che al 49′, spara alto da ottima posizione. Tre minuti più tardi è il Cosenza resta in inferiorità. Bidaoui e Bittante si strattonano a centrocampo, Meraviglia ammonisce entrambi, per il rossoblu è il secondo e finisce anzitempo sotto la doccia. Occhiuzzi cambia ancora richiamando Pandolfi ed inserendo Vallocchia. Nuovo entrato che batte una punizione al 57′, con Tsadjout che la devia nella sua porta (1-1). Cambia anche Sottil al 67′ che inserisce Iliev al posto di Eramo. Al 71′ Meraviglia assegna un rigore “generoso” all’Ascoli. Tiritiello tocca Bidaoui in area, l’ex rossoblu va terra con l’arbitro che fischia il penalty. Dall’undici metri trasforma Caligara (1-2). Occhiuzzi tenta il tutto per tutto inserendo Caso e Florensi per Boultam e Carraro. Ancora Ascoli pericoloso al 76′ con Saric che sfiora il palo. All’85’ doppio cambio per l’Ascoli che manda in campo Buchel e De Paoli al posto di Tsadjout e Saric. Ospiti che chiudono il match all’87’ con Iliev, lesto ad insaccare una corta respinta della difesa rossoblu (1-3). Nel finale Sottil richiama Bidaoui e Falasco per Palazzino e D’Orazio. Cosenza ancora sconfitto e sempre più in crisi, per l’Ascoli una vittoria per agguantare la zona play-off.

Notizie Oggi