15 C
Crotone
Dicembre,8,2022

Aborto, 10 regioni non comunicano i dati degli obiettori

Una indagine di Chiara Lalli e Sonia Montegiove, resa nota dall’Associazione Luca Coscioni, riporta nuovi dati sugli obiettori di coscienza negli ospedali in dieci regioni italiane.
Basata su richieste di accesso civico alle Regioni, il Molise conferma l’alta percentuale di obiettori. Seguono la Puglia e le Marche. Dieci invece le Regioni che non hanno risposto alla richiesta: sono Lazio, Sicilia, Calabria, Toscana, Basilicata, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Trentino Alto Adige. Filomena Gallo, avvocato e segretario dell’Associazione Luca Coscioni, ha chiesto al nuovo Ministro della Salute i dati aperti per poter verificare la corretta applicazione della legge 194. A dire il vero c’è una recente pubblicazione dei dati, ma sono tabelle in formato excel che non risolverebbero i difetti principali. Sono dati vecchi, del 2020, aggregati per Regione e non per singola struttura. Per Chiara Lalli e Sonia Montegiove sarebbe un piccolo sforzo per la Pubblica amministrazione, ma uno sforzo dovuto e che avrebbe molte conseguenze positive.
I dati raccolti dall’Associazione si riferiscono al 2021, mentre quelli ministeriali pubblicati nell’ultima relazione sono fermi al 2020″.

Notizie Oggi