23 C
Crotone
Aprile,12,2024

Grande successo per la V edizione del Premio "Alda Merini"

“Cosa accomuna tra loro i poeti presenti, uno studioso, un orafo, un sacerdote vocato alla solidarietà, una giornalista, ossia i premiati di questa edizione? Che relazione può sussistere tra un’istituzione quale la Prefettura ed un concorso di poesia? La risposta è: la dimensione della bellezza, perché la poesia è disvelamento di bellezza nascosta nelle emozioni umane, nella realtà della materia, nella vita quotidiana, persino nel dolore. Ma la bellezza non è solo nella poesia; affiora anche nello studio appassionato di un ricercatore, nello sforzo di una solidarietà spesso difficile, nell’arte di un orafo, nello sforzo di comunicare correttamente e persino in quello di essere cittadini impegnati in un tempo di disillusioni. Parole chiare quelle di Salvatore Fortuna, viceprefetto di Catanzaro, intervenuto alla premiazione dei vincitori della V edizione del Premio Alda Merini. Organizzato dall’ Accademia dei Bronzi di Catanzaro, presieduta da Vincenzo Ursini, il concorso è ormai indissolubilmente legato alla città e rappresenta uno dei momenti culturali più alti in Calabria. I due premi istituzionali, medaglia del Presidente del Senato e medaglia del Presidente della Camera dei Deputati, sono andati rispettivamente a padre Giuseppe Sinopoli, cappuccino nella Chiesa del Monte di Catanzaro, e all’orafo crotonese Michele Affidato, mentre le targhe di argento per il giornalismo e la solidarietà sono state attribuite ad Annarosa Macrì e a don Paolo Panizza. Il premio riservato alla migliore poesia dedicata ad Alda Merini è andato alla poetessa Maria Concetta Giorgi di Cesenatico. Ursini, nel corso della manifestazione, ha consegnato un premio speciale alla giovane poetessa Emanuela Calabretta di Catanzaro, “con la speranza – ha detto – che ciò possa invogliare tanti altri giovani come lei ad accostarsi alla poesia”.
 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Notizie Oggi