30.1 C
Crotone
Maggio,22,2022

PASSO INDIETRO COSENZA. UN GOL DI PEPITO ROSSI RILANCIA LA SPAL

Ancora un Ko al Marulla, il secondo consecutivo, con la Spal che conquista l’intera posta in palio grazie al ritorno al gol dopo tre anni di Pepito Rossi. Un passo indietro preoccupante per i rossoblu di Zaffaroni, che non sfruttano nemmeno la superiorità numerica per il rosso a Vicari, con l’all-in finale che non dà i frutti sperati. Il Cosenza del secondo tempo sembra solo un parente sbiadito di quello del Tardini ed alla fine subisce anche la contestazione dura dei propri tifosi. CRONACA – Zaffaroni cambia un solo uomo dalla sfida in Emilia inserendo Boultam al posto di Vallocchia nel suo 3-5-2. Davanti a Vigorito, Tiritiello, Rigione e Venturi; sulla mediana Anderson, Carraro, Palmiero, Boultam e Situm, a sostegno del duo d’attacco formato da caso e Gori. Clotet sceglie il 4-3-3 con Seculin tra i pali, la linea difensiva composta da Dickmann, Vicari, Capradossi e Celia; centrocampo formato da Da Riva, Esposito e Mancosu, in avanti Colombo, Melchiorri e Seck. Nella prima frazione è il Cosenza a mantenere il pallino del gioco, ma senza rendersi mai veramente pericoloso. La prima conclusione della gara è dell’attaccante spallino Seck con la sfera che termina alta, dopo uno svarione della difesa rossoblu. La risposta calabrese è tutta in due conclusioni di Situm che non crenano problemi a Seculin. Al 35′ Spal pericolosa con Seck, su cross preciso di Mnacosu, ma Vigorito è attento e sventa la minaccia. Prima di andare al riposo è Boultam a tentare la conclusione dal limite ma Seculin blocca. Ad inizio ripresa Clotet effettua un doppio cambio: Thiam per Seculin e “Pepito” Rossi per Colombo. Proprio Rossi in apertura serve un assist al bacio per Mancosu che scarica un destro potente respinto da Vigorito con un grande intervento. Al 49′ Thiam sbaglia il rilancio, la palla finisce sui piedi che non riesce ad inquadrare la porta con il portiere spallino fuori dai pali. Al 58′ la Spal passa in vantaggio. Sugli sviluppi di un corner Rossi beffa la difesa calabrese e di testa batte Vigorito (0-1). Al 62′ prova a rispondere il Cosenza con Carraro che di testa raccoglie un cross di Situm, salvataggio provvidenziale di Celia e palla in angolo. Zaffaroni cerca di cambiare l’inerzia del match ed inserisce Millico e Florenzi al posto di Anderson e Boultan. Terzo cambio per gli ospiti al 66′: fuori Melchiorri e dentro Peda. Al 72′ occasione gol per il Cosenza con Gori che entra in area e spara alto sulla traversa. Ci prova Venturi, ma senza fortuna, con un tiro dal limite al 75′. All’81’ Zaffaroni richiama Gori ed inserisce Kristoffersen. Doppio cambio all’82’ anche per la Spal: escono Seck e Da Riva ed entrano Zuculini e Mora. Spal che resta in inferiorità numerica un minuto più tardi. Vicari cerca di colpire con una testata Palmiero sotto gli occhi dell’arbitro Maresca che estrae il rosso. Zaffaroni inserisce anche Pandolfi per Palmiero non riesce a rendersi quasi mai pericoloso. Finisce con la festa della Spal e di Pepito Rossi, per il Cosenza fischi e una dura contestazione per tutti, con il calendario che incombe: martedì si torna in campo al Power Stadium per la sfida con il Monza.

Notizie Oggi