23.3 C
Crotone
Giugno,17,2021

NESSUNA TRACCIA DI MARIA, SCOMPARSA DA CINQUE ANNI

“Essere qui è un modo per onorare la memoria di Maria, che ha scelto di vivere in Calabria e di non subire, di vivere da donna libera, e per questo ha pagato un prezzo altissimo”. Così l’associazione Agape ha aperto il sit-in che si è tenuto a Limbadi, in memoria di Maria Chindamo, l’imprenditrice scomparsa nel nulla 5 anni fa, proprio il 6 maggio del 2016. È stato scelto per l’occasione un luogo fortemente simbolico: quelle stesse terre che Maria voleva coltivare e in cui voleva portare avanti la sua impresa. Siamo a 5 anni senza Maria, senza verità, senza giustizia. Qualcuno lo definisce ergastolo del dolore, ed è così. Tanti bocconi amari da ingoiare: per la vicenda stessa, per le persone che non abbiamo incontrato. Ma sono stati anche 5 anni di incontri importantissimi, uomini dello Stato, di Chiesa, che ci hanno abbracciato con un senso di affetto familiare. Incontri che ci hanno reso consapevoli di far parte di una comunità diversa, forse migliore di quella che pensavamo” – ha detto il fratello di Maria, Vincenzo Chindamo. Don Ennio Stamile di Libera ha ricordato che sta crescendo la speranza. La speranza non è un concetto astratto, oggi la speranza assume il volto di ciascuno di noi. Questo territorio che negli anni passati ha registrato un’assenza delle istituzioni, a volte addirittura colluse, deve adesso poter registrare una presenza continuativa delle istituzioni. Il sottosegretario per il Sud Dalila Nesci ha parlato di unità di intenti: facciamo uno sforzo tra cittadini e istituzioni per capire che la sofferenza è comune, il disagio è comune, e non c’è nessuno che soffre da solo. È una battaglia di civiltà che vinceremo tutti insieme, come questa giornata dimostra”. Oltre ai familiari di Maria – il fratello Vincenzo, la madre Pina, i figli – erano presenti anche il neo prefetto di Vibo Roberta Lulli, il questore, le forze dell’ordine, il testimone di giustizia Carmine Zappia, diversi sindaci della provincia, i giovani del centro comunitario Agape e le altre associazioni organizzatrici. Insieme a studenti e tanti cittadini comuni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Notizie Oggi