8.9 C
Crotone
Ottobre,17,2021

IL COSENZA CADE AL MOCCAGATTA. PRIMA VITTORIA PER L’ALESSANDRIA

Si ferma al Moccagatta la striscia positiva del Cosenza, che perde contro un’Alessandria più convinta a cercare la vittoria in una gara con poche emozioni. A punire i rossoblu una rete di De Gennaro al 78′ sugli sviluppi di un corner, che regala ai “grigi” i primi tre punti stagionali. Il Cosenza per buona parte della gara ha dato la sensazione di poter controllare, rendendosi pericolosa con un tiro di Boultam salvato da un gran intervento di Pisseri. Calabresi che sotto di un gol, nei restanti minuti di gioco, non sono riusciti a rendersi mai pericolosi e tornano dal Piemonte con altri due infortunati: Millico e Vigorito, che vanno ad aggiungersi a Vaisanen e Sy. CRONACA – Longo schiera i suoi con il 3-4-3: Pisseri a difendere i pali, Prestia, Di Gennaro e Parodi sulla linea difensiva; Mustacchio, Casarini, Palazzi, Lunetta a centrocampo, tridente d’attacco formato da Chiarello, Marconi e Palombi. Zaffaroni deve fare a meno del finlandese Vaisanen e S, sostituiti da Pirrello e Corsi, e lancia dal primo minuto Millico al posto di Caso. Davanti a Vigorito, dunque, Tiritiello, Rigionee Pirrello; Corsi, Carraro, Palmiero, Boultam e Situm a formare la cerniera di centrocampo, con Gori e Millico davanti. È il Cosenza il primo a rendersi pericoloso. Al 10′ Millico entra in area e serve al centro un pallone invitante per Gori. L’attaccante fiorentino è in ritardo e viene anticipato da Pisseri. Al 28′ Marconi di testa impegna Vigorito su azione da calcio d’angolo, ma Fabbri ferma tutto perché la sfera a oltrepassato la linea di fondo. Al 32′ tegola per il Cosenza. Millico si accascia a terra ed è costretto ad uscire per un problema muscolare. Al suo posto Zaffaroni manda in campo Caso. Calabresi pericolosissimi al 44′. Boultam si libera al limite dell’area e tenta la conclusione, Pisseri toglie la sfera dall’incrocio dei pali. Finisce così in parità il primo tempo. Nessun cambio ad inizio ripresa Longo e Zaffaroni conferma gli undici che hanno concluso la prima frazione. Al 48′ Corsi salva su un colpo di testa di Marconi a Vigorito battuto, ma l’azione non è valida perché la palla era uscita sulla battuta dalla bandierina. Vigorito costretto ad uscire al 53′ per infortunio, a prendere il suo posto Saracco, in un doppio che vede l0ingresso in campo anche di Eyango al posto di un positivo Boultam. Cambia anche Longo che richiama Palombi ed inserisce Orlandi per dare più verve al suo attacco. Alessandria che spinge e Cosenza che sembra in difficoltà. Ancora un doppio cambio tra i giocatori di casa: escono Palazzi e Lunetta al loro posto Milanese e Beghetto. Un minuto più tardi padroni di casa vicini al vantaggio: gran sinistro di Casarini la palla scheggia la traversa. Gol che è solo rinviato e che arriva al 78′. Su azione da calcio d’angolo Beghetto sul secondo palo, anticipa Rigione, e serve Di Gennaro che da due passi solo soletto batte Saracco (1-0). Zaffaroni prova a cambiare l’inerzia del match all’83’ con un doppio cambio inserendo Gerbo e Kristoffersen, al posto di Corsi e Palmiero. Valzer di sostituzioni che continua all’84’ tra le fila piemontesi: dentro Benedetti e Corazza, fuori Chiarello e Marconi. Cosenza che prova a trovare il pari e Alessandria che sciupa una ripartenza veloce. Dopo 4′ di recupero finisce al Moccagatta con la prima vittoria in campionato. Un Cosenza opaco nella seconda frazione subisce la terza sconfitta in trasferta e torna in Calabria con un’infermeria nuovamente affollata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Notizie Oggi