8.9 C
Crotone
Ottobre,17,2021

AL MARCA I DISEGNI SENZA TEMPO DI OMAR GALLIANI

Il Museo Marca di Catanzaro ospita, dal 9 ottobre al 31 dicembre, la personale di Omar Galliani “Il disegno non ha tempo”, a cura di Vera Agosti. L’esposizione, promossa da Provincia di Catanzaro, Museo Marca e Fondazione Rocco Guglielmo, è realizzata con il contributo di Phidias Antiques. L’inaugurazione è in programma sabato 9 ottobre, alla presenza dell’artista, della curatrice e di Rocco Guglielmo, direttore artistico del Museo Marca. Omar Galliani è indicato come un maestro della pratica artistica conosciuto a livello internazionale, che vanta in particolare mostre in Cina e in Russia. Il suo disegno affonda le radici in quello rinascimentale – Leonardo da Vinci -, ma non solo. L’opera di Omar Galliani non si esaurisce nel bozzetto o nella prova preparatoria, ma è lavoro a sé stante. Anche per questo, l’autore inventa il suo disegno “infinitissimo”, dilatando al massimo le dimensioni, con pezzi che diventano monumentali. Nelle sue opere si guarda ad artisti della contemporaneità, come Gino De Dominicis, Robert Longo, Troy Brauntuch, ma anche alle suggestioni della moda, del cinema (Michelangelo Antonioni, Wim Wenders, Robert Altman). E ancora ai viaggi intorno al mondo, in particolare in Asia, che contaminano il suo immaginario e la quotidianità, con gli incontri casuali, i volti incrociati di sfuggita. La componente concettuale che è sempre presente, più o meno velata. “Il disegno ha un suo tempo di esecuzione – è detto nella presentazione della personale – che per l’artista si traduce in giorni e giorni, ore e ore di fatica. La pressione sanguigna modifica il segno, si imprime sul foglio di carta o sulla tavola di pioppo. Il lavoro è la prima religione di Omar Galliani; il disegno è il suo mantra, la sua pietra filosofale per l’immortalità”. In mostra a Catanzaro opere significative del suo percorso: da un primo disegno del 1977, “Dalla bocca e dal collo del foglio”, alla pittura degli anni ’80, con importanti lavori storici, come “Cavalieri d’Ellissi”, presentato alla Biennale di Venezia del 1986, e “Cadmio” dello stesso anno, fino al grande “Mantra per Laura” del 1999. Segue la produzione dagli anni 2000 in poi (“La principessa Lyu Ji nel suo quindicesimo anno di età”,2008; “Omar Roma Amor”, 2012; “Per Santa Teresa D’Avila”, 2016) e i pezzi più recenti (“Floralia”, 2019; “De rerum natura”, 2020), quelli sui notturni stellari (il trittico “Nella costellazione di Orione”, 2019; “Siderea”, 2020) e i lavori dedicati alla pandemia (“Baci rubati/Covid 2019”). Esposti anche due inediti del 2021 (“Chlorophelia” e “NGC/7419”). “È un percorso di forte impatto ed emozione – riporta il testo – che ci parla dei grandi temi dell’uomo: la natura, la vita, l’arte, la pandemia, la morte, la santità, giocato in particolare sul bianco candido della tavola di pioppo e il nero scintillante e misterioso della grafite”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Notizie Oggi