7.2 C
Crotone
Dicembre,1,2021

ECCO LA SERIE A, PALLADINO PROVA A RIPRENDERLA

A volte gli incroci della vita sono strani oppure forse è un segno del destino. Prendiamo il caso di Raffaele Palladino: venerdì sera potrebbe ritrovare la serie A a Modena in Emilia, a distanza di 11 mesi e a 60 chilometri da dove l’aveva persa. Era infatti il 24 maggio dello scorso anno quando, pareggiando 22 al Tardini contro il Verona, il Parma salutava il suo pubblico e la massima serie prima del fallimento. E con lui anche l’attaccante napoletano che però a distanza di meno di un anno potrebbe tornare in quel campionato lasciato così amaramente e non solo per le vicende tecniche. L’occasione per tornare in A gliela dà il Crotone dopo un campionato eccezionale e soprattutto grazie ad un allenatore che lo ha incoraggiato e convinto a venire a giocare in Calabria. «Il merito di questa grande stagione del Crotone va a lui per il 70%, ha creato un gruppo fantastico e non tutti sono in grado di farlo. Lui ci è riuscito e noi ci siamo calati alla perfezione nelle sue idee. Abbiamo capito che potevamo arrivare in A dopo La Spezia, dopo non ci siamo mai fermati. Adesso abbiamo voglia di vincere, desideriamo arrivare prima di tutti per restare nella storia». Scegliere Crotone per Palladino è stata anche una scommessa non solo con sè stesso. «Quando manifestavo ad alcuni amici l’intenzione di venire a Crotone mi prendevano per matto. Più loro mi scoraggiavano e in me più cresceva la voglia di indossare il rossoblù e contribuire a costruire qualcosa di grande e indelebile». Adesso la gloria è a due passi e l’attaccante ex Parma e Juve non ha più nessun dubbio. «Manca l’ultimo tassello, ci sono 4 finali, la prima la affrontiamo a Modena contro una squadra che ha bisogno di punti e sarà affamata. Noi non lo siamo da meno. Sto bene fisicamente, mi sto divertendo e cosi come io sono al servizio dei miei compagni allo stesso modo loro sono al mio servizio. Siamo un gruppo forte, unito, uno spogliatoio di uomini». Il tecnico in settimana ha torchiato il gruppo memore del brutto primo tempo di Cesena. «Verissimo, il mister ce lo ha ricordato ed è per questo motivo che questa settimana la concentrazione è stata altissima. Non dobbiamo abbassare la guardia, perchè a Cesena non abbiamo fatto la partita come il mister l’aveva preparata. Questo a dimostrazione che anche se manca un solo punto, e sappiamo che lo faremo, non vogliamo mollare mai ma provare sempre a vincere». Altro traguardo che la società ha nel mirino è il 1° posto davanti al Cagliari. «Piano, una cosa per volta – puntualizza il 31enne attaccante – mettiamo al sicuro la A e poi possiamo pensare al secondo obiettivo che è quello di arrivare primi. Ma il Cagliari è una squadra che non mollerà con facilità anche se centrare promozione e primo posto darebbe al Crotone un prestigio incredibile». C’è spazio per capire cosa farà Palladino dopo il trionfo. «Il mio obiettivo è giocare in A, anche con il Crotone, sono in scadenza e presto valuterò con la società».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Notizie Oggi